martedì 24 novembre 2020

Visione progressista in Europa. L'analisi dell'ex premier, Matteo Renzi

Cosa ci insegna la vittoria di Biden in America. In questa lettera, pubblicata oggi dal quotidiano "La Repubblica’’, il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, analizza la ‘’Via Progressista’’ che dovrebbe seguire l’Europa. 


“Caro Direttore, il tuo editoriale di domenica sul nuovo percorso progressivo di Biden-Starmer tocca un tema importante per me e per Italia Viva . Tuttavia, soprattutto, tocca la questione chiave del futuro dell'Europa. Arricchiscono questo dibattito le riflessioni del segretario del PD Nicola Zingaretti e dell'ex direttore del Financial Times, Lionel Barber, che La Repubblica ha pubblicato ieri. Vorrei aggiungere tre mie brevi considerazioni.

In primo luogo, le elezioni americane mostrano che c'è ancora una differenza tra destra e sinistra. Direi di più: c'è un abisso tra la destra di Trump e la sinistra di Biden ma c'è anche una forte differenza tra sinistra e sinistra.

Se Sanders o Warren avessero corso, Trump oggi si starebbe preparando per il suo secondo mandato, non giocando a golf. Biden ha vinto perché ha vinto da centro. Biden ha vinto perché ha vinto come riformista.

Biden ha vinto perché senza vincere Arizona o Pennsylvania, la sinistra radicale avrebbe continuato a fare quello che ha sempre fatto meglio in tutto il mondo: l'opposizione. Citi giustamente Alexandria Ocasio-Cortez: con AOC vinci un distretto congressuale a New York, con Biden vinci la Casa Bianca.

In secondo luogo, il Regno Unito ha visto la tragica sconfitta di Ed Miliband e poi di Jeremy Corbyn. Con Blair la sinistra radicale si lamentava e si lamentava, ma il Labour ha vinto. Con Miliband junior e Corbyn la sinistra radicale si è rallegrata ma il partito conservatore è finito al governo.

Starmer lo capisce bene e ora parla di famiglia e sicurezza, non di nazionalizzazione e sussidi. Mira a un'alleanza con Biden, in una versione aggiornata della relazione storica tra Clinton e Blair, come percorso verso il governo. Le prossime elezioni nel Regno Unito si terranno nel 2024: c'è tutto il tempo per consolidare questa partnership. Certe analogie potrebbero tornare, non dimentichiamo che Blair ha assunto la guida del suo Paese quattro anni e mezzo dopo Clinton, non subito.

Nel frattempo ricordo da anni come la mia leadership del PD (durante il quale abbiamo ottenuto il miglior risultato elettorale dal 1958, quasi il 41% prima del 'fuoco amico' dell'opposizione interna) fosse minata da chi insisteva sul fatto che dovremmo abbandonare le dottrine di Obama e Blair per copiare invece quelle di Sanders e Corbyn. Sono contento di non aver mai seguito il consiglio di questi profeti visionari.

In terzo luogo, se davvero la strategia è di un importante richiamo alle armi contro il populismo internazionale (e la nomina di Blinken a Segretario di Stato rafforzerebbe questa ipotesi) manca un altro partecipante. Sarebbero i progressisti europei.

Un'Europa che non è solo contro i populisti ungheresi, polacchi e Le Pen (cioè contro gli amici di Salvini e Meloni) ma anche un'Europa diversa dal PPE di Angela Merkel, che presto lascerà la cancelleria tedesca dopo 16 anni.

Chi è oggi il principale leader di questa alleanza progressista Biden-Starmer in Europa? A mio avviso, la leadership più forte nelle famiglie liberali e socialiste è necessariamente quella di Emmanuel Macron.

Arriva la questione di dove si trovi l'Italia nel dibattito politico da qui ai prossimi due anni, quando ci saranno le elezioni sia in Germania che in Francia e dove si giocherà la sfida decisiva del Fondo per la ripresa. Dove la grande questione ambientale sollevata da Obama con la conferenza di Parigi (è stato un tale onore per noi firmare quegli accordi) viene rilanciata da tutti noi come questione centrale mentre Biden riprende la scelta miope di Trump di abbandonare la lotta contro cambiamento climatico.

Abbiamo dato vita a un governo che ha spaccato il fronte populista , mandando Salvini all'opposizione e spostando l'amministrazione Conte su posizioni filoeuropee diametralmente opposte a quelle del precedente governo “gialloverde”.

Il simbolo più evidente di tutto ciò è Di Maio, che ha incontrato in Francia nel 2019 gli antigovernativi “Gilets Jaunes”, ma poi nel 2020 negozia l'ingresso del suo Movimento Cinque Stelle nel partito di Macron in Europa.

La nostra mossa è stata un capolavoro tattico che ha permesso all'Italia di governare la pandemia con un'amministrazione dalla parte della scienza e del buon senso che non segue le deliranti assurdità dei populisti. Ma non è abbastanza. Proprio per i motivi per cui scrivi, c'è bisogno di uno sguardo diverso e più profondo sul mondo.

Se, come dice Barber, il rischio è quello di una sfida finale tra democrazia liberale e populismo, l' Italia deve essere in lotta, senza paura di sporcarsi le mani . Spetterà a Conte, Zingaretti e agli altri dirigenti decidere se essere protagonisti della nuova pagina di storia che la vittoria del presidente Biden apre per l'Italia e per l'Europa, oppure se trascorrere il tempo che ci separa dall'elezione del Il successore del presidente Mattarella in una lite quotidiana stanca senza visione".

Matteo Renzi

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...