mercoledì 18 novembre 2020

La Puglia potrebbe entrare in zona rossa. Decisiva sarà l'analisi dei dati da parte della Cabina di regia del ministero della salute.

 

Il cambio area, potrebbe arrivare venerdì prossimo. La Regione, andrebbe ad aggiungere a Valle D'Aosta, Piemonte, Lombardia, Toscana, Campania, Calabria e la provincia di Bolzano. Oggi, autonomamente, è in zona rossa anche l’Abruzzo. Il provvedimento restrittivo è stato emanato dalla giunta regionale con propria ordinanza.


In Puglia, a preoccupare è la pressione sul sistema sanitario locale. “I medici e gli infermieri sono allo stremo – ha affermato l’epidemiologo e assessore regionale alla Sanità, Pierluigi Lopalco -. Qualunque iniziativa che possa allentare la morsa sugli ospedali e sulla sanità territoriale è benvenuta".


L’allarme, è stato rilanciato anche da Nicola Gaballo, referente del sindacato Fimmg Puglia, settore "Emergenza Urgenza", che parla del “sistema del 118 al collasso. Se vogliamo evitare altre morti ha dichiarato - occorre rendere subito la regione zona rossa. Le chiamate continuano ad arrivare e i mezzi di emergenza non ce la fanno a stare dietro a tutte. I casi Covid sono in costante aumento e noi veniamo coinvolti anche nei trasporti secondari, di ospedale in ospedale, in cui potrebbero, invece, essere impiegati mezzi dedicati. Il risultato è che il 118 non riesce più a coprire le emergenze di altro genere".  

A preoccupare sono anche le Rsa. Altri quattro decessi si sono registrati nella Residenza sanitaria per anziani ‘’Regina Pacis’’ di Monopoli dove, nei giorni scorsi, si era sviluppato un focolaio. "Si sta consumando una tragedia davanti ai nostri occhi – ha detto il sindaco, Angelo Annese - che ci ha strappato, in pochissimi giorni, 10 nostri anziani. Loro sono i nostri nonni, i nostri genitori, la nostra memoria, la nostra saggezza. Sono un bagaglio di ricordi che è parte della nostra vita".

Intanto, la Regione ha appena riconvertito l’ospedale di Putignano in Covid con l’attivazione dei primi 31 posti letto e sta allestendo l'ospedale da campo a Barletta.

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...