lunedì 23 novembre 2020

Il ministro, Francesco Boccia, in Calabria: "La Calabria che riparte è l’Italia che si riscatta. In questo momento i calabresi hanno bisogno di uno Stato che faccia lo Stato, e lo faccia al fianco di tutte le articolazioni"

 


“Il senso principale di questa giornata è la vicinanza del governo nazionale alla regione Calabria. I calabresi devono sapere che non sono da soli. La Regione merita una sanità forte”.

Non usa giri di parole il ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Francesco Boccia, al termine della Conferenza Stato - Regioni, che si è svolta oggi nella Cittadella regionale di Catanzaro. Ad affiancare il ministro, il presidente facente funzioni della Giunta regionale, Nino Spirlì.

“Ho ringraziato il presidente Spirlì – ha affermato Boccia - per aver lavorato fianco a fianco con il governo e la Protezione civile per tutta la giornata di oggi a Cosenza, Crotone e Catanzaro. I calabresi devono sapere che l’esecutivo nazionale c’è, e c’è su tutto.

Dall’emergenza sanitaria, che continueremo ad affrontare insieme con il sostegno delle forze armate, delle forze dell’ordine e di tutti i volontari, agli interventi strutturali. La Regione Calabria merita una sanità più forte. Bisognerà valutare il rafforzamento delle strutture che sono state ridimensionate – ha continuato Boccia -. L’Europa tutta ha preso atto che i diritti universali, come salute e scuola, non potranno mai più essere compressi da vincoli di bilancio. E la Calabria, da questo punto di vista, come gran parte del Mezzogiorno, ha avuto un ridimensionamento anche per questi motivi, ma non solo. L’altra parte del ridimensionamento, invece, - ha proseguito il ministro - è legato agli scandali e alle ruberie”. 


A tal fine Boccia ha chiesto aiuto ai calabresi. “Devono aiutarci a vigilare – ha dichiarato -, stare accanto alla magistratura e alle forze dell’ordine, che ci aiutano a intervenire e, mai come in questo momento, vogliamo sostenere e aiutare la Calabria perbene, che è la stragrande maggioranza di una terra eccezionale”.

Non ci sono casacche, c’è l’impegno assoluto del Governo. Per queste ragioni – ha detto il ministro Boccia - abbiamo fatto partire, questa mattina, l’ultimo miglio dei lavori finali dell’ospedale da campo di Cosenza, che aiuterà l’intera provincia e la città. Dal primo dicembre sarà operativo, con i test e gli esiti che saranno seguiti direttamente dal Celio. Così come tutti i servizi che serviranno. 


Voglio, però, chiarire, che non è questa la sanità di domani – ha detto Boccia -. È  la sanità dell’emergenza acuta. Ci sono 14 regioni in Italia che hanno ospedali da campo. La Calabria non è la prima e non è l’ultima. E ci saranno sempre, ogni volta in cui avremo bisogno. Sappiamo che l’Esercito, la Marina e tutte le forze armate ci saranno. Per questo, li abbiamo ringraziati insieme al presidente Spirlì, a Cosenza”.

Oggi, il ministro Boccia, insieme al capo della protezione civile nazionale, Angelo Borrelli, e il governatore Spirlì si sono recati anche a Crotone, la cui provincia è stata duramente colpita dal maltempo. 


 “A Crotone – ha chiosato Boccia – abbiamo lavorato sui danni e i disastri dell’alluvione con il capo della Protezione civile Borrelli. Ho ringraziato le Protezioni civili, ovviamente quella della Regione Calabria che ha fatto un lavoro eccezionale, ma anche quelle delle Regioni Puglia, Campania, Basilicata, che hanno dato il loro contributo.

Anche questa è l’Italia. Le regioni che vanno in difficoltà, ricevono aiuti anche dalle altre, con grande senso di collaborazione. E oggi, qui a Catanzaro, abbiamo completato una Conferenza Stato Regioni che è non solo il simbolo di questa idea che c’è di attenzione verso la Calabria. Si stratta della prima volta nella storia di una Conferenza convocata in Calabria”.

E a proposito della conferenza Stato – Regioni, oggi sono stati approvati decine di provvedimenti importanti, riguardanti salute, politiche agricole, sviluppo economico, di natura economico-finanziaria, di riparto di risorse per le disabilità.

Abbiamo fatto un lavoro con una parte consistente del Governo, con tutte le Regioni italiane, i Comuni e le Province – ha detto ancora il ministro, Francesco Boccia -. È avvenuto qui, in questa sede, e lo abbiamo fatto anche in memoria di Jole Santelli che ci manca tanto e alla quale dobbiamo tanto, anche per il tentativo di imprimere un cambiamento. Un cambiamento che non ha un colore politico.

La Calabria che riparte è l’Italia che si riscatta. È un lavoro che dobbiamo fare insieme, per questa ragione ci torneremo spesso. Con il presidente Spirlì – ha concluso Boccia – c’è una collaborazione quotidiana, così come con tutto il sistema delle rappresentanze istituzionali, i sindaci e i presidenti di provincia.

Non c’è alcuna distinzione di colore politico, vorrei che fosse chiaro. In questo momento i calabresi hanno bisogno di uno Stato che faccia lo Stato, e lo faccia al fianco di tutte le articolazioni. Non possiamo lasciar sola la magistratura nel lavoro che sta facendo né gli operatori sanitari per il lavoro eccezionale di ogni giorno. Ognuno di noi deve fare la sua parte”.

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...