martedì 15 dicembre 2020

La pandemia corre in Europa. Restrizioni in vista delle festività natalizie

 Dalla Francia alla Germania, passando per l’Italia, l’Olanda e il Regno Unito, le nazioni europee, si stanno preparando al periodo natalizio mettendo in campo misure restrittive per cercare di non far dilagare i contagi.

In Italia ancora si discute, ma sembra sicura una stretta a ridosso di Natale e Capodanno.

Si parla di una zona rossa nazionale in alcuni giorni, con solo i servizi essenziali aperti e spostamenti vietati, o una grande zona arancione per tutto il periodo, con negozi aperti e ristoranti chiusi.

In base all’ultimo Dpcm, nei giorni di festa è vietato spostarsi tra comuni, ma si sta discutendo su una possibile deroga.

La Francia è uscita il 15 dicembre scorso dal suo secondo lockdown. Si sta verificando una parziale riapertura che prevede la chiusura, almeno fino al 20 gennaio prossimo, di ristoranti, bar e luoghi di cultura. "Dipenderà dal modo in cui avremo trascorso il periodo delle feste – ha affermato il premier Jean Castex –“.

Dichiarato il "coprifuoco" a partire dalle ore 20:00.

In Germania, da domani, 16 dicembre, e fino al 10 gennaio, scatta un lockdown quasi totale. Negozi e scuole chiuse, divieto di assembramenti, di consumo di alcol per strada e fuochi d'artificio di Capodanno al bando.

Stop anche al commercio al dettaglio, con l'eccezione di alimentari, farmacie e pochi altri ritenuti essenziali, e all'obbligo di presenza nelle scuole che finora erano rimaste aperte.

Sarà, invece, possibile la celebrazione delle messe religiose, a condizione che si rispettino le distanze di 1,5 metri in chiesa, e che non si canti.

Anche in Olanda scatta un lockdown di cinque settimane per arginare il Covid – 19. “Il blocco più rigoroso – ha scritto su Twitter i premier Mark Rutte - verrà applicato da oggi, 15 dicembre, al 19 gennaio".

I negozi non essenziali, abbasseranno le saracinesche, così come i centri sportivi, piscine, cinema e musei.

Le scuole, dall'istruzione primaria alle università, chiuderanno domani, mercoledì 16 dicembre.

Gli hotel, potranno restare aperti ma senza servizio di ristorazione.

Rimarranno aperti supermercati, macellerie e panetterie, farmacie e ottici.

In Olanda serrata anche per le professioni di contatto come parrucchieri, saloni di bellezza e massaggi. Faranno eccezione le professioni mediche.

Scatta da domani un nuovo periodo di restrizioni anche per Londra. La stretta, prevede che la capitale passi dall'allerta arancione a quella rossa con una nuova chiusura di ristoranti, pub e di alcuni negozi.

Le limitazioni, dureranno fino al 23 dicembre, quando  in tutto il Regno Unito, Londra compresa, scatterà un alleggerimento di 5 giorni delle restrizioni in occasione del Natale.

In Repubblica Ceca, invece, le autorità hanno annunciato, in occasione del Natale, una restrizione sull'orario notturno e la chiusura di bar e ristoranti.

Sarà, inoltre, decretato un limite ai raduni, con solo sei persone massimo, e un divieto di consumo di alcol all'aperto dal 18 dicembre.

(Fonte Sky Tg24)

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...