martedì 1 dicembre 2020

La Scalea che vorrei: Caro Sindaco….Uno sguardo al futuro attraverso i sogni dei bambini e dei ragazzi

 

L’Amministrazione comunale di Scalea, assessorato alle politiche sociali e alla pubblica istruzione, con l’arrivo del Natale, ha invitato gli studenti di tutte le scuole di ogni ordine e grado, a scrivere una lettera al Sindaco per raccontare la Scalea che vorrebbero vivere e veder realizzata.

“In questo periodo di criticità sanitaria, economica e sociale – si legge in una nota del comune alto tirrenico - i desideri dei nostri bambini e dei nostri ragazzi sono la speranza più forte e importante su cui fare affidamento.

Il Covid-19 ci sta privando di molte cose, ma non dobbiamo consentirgli di toglierci la capacità di sognare”.

Dall’1 al 22 dicembre, tutti gli studenti, in collaborazione con i propri insegnanti, potranno inviare una mail all'indirizzo carosindaco@comune.scalea.cs.it specificando il nome e la classe di appartenenza.

Il primo cittadino, Giacomo Perrotta, leggerà tutte le mail e incontrerà virtualmente tutti i suoi “amici di penna” in videoconferenza il 23 dicembre.

La casella di posta carosindaco@comune.scalea.cs.it sarà attiva fino al 22 dicembre prossimo.


Già qualche mese fa, erano gli inizi di novembre, alcuni bambini avevano donato all’amministrazione comunale il progetto di uno skate park.

“Un raggio di sole in queste giornate convulse, fatte di preoccupazione per la salute della popolazione, di ansia per l'economia della città e delle famiglie, di stress per la mole di lavoro a cui sono sottoposti gli uffici e anche gli amministratori che non si stanno risparmiando un attimo, mettendosi a totale disposizione della cittadinanza nella più totale discrezione.

I bambini ci insegnano che sognare è fondamentale. Sognare aiuta a vivere questi momenti difficili con uno sguardo sempre rivolto al domani.

Hanno espresso, con un disegno, - evidenziarono gli amministratori - il desiderio di uno skate park che ora non possiamo promettere ma che, per il momento, è il simbolo del traguardo ideale al quale mira il nostro impegno quotidiano: una città pensata per essere vissuta pienamente fin da piccoli.

Grazie bambini per questo atto di creatività che l'amministrazione acquisisce come un incoraggiamento. Possiamo dirvi, con certezza, che i vostri sogni per noi sono più importanti di qualunque altra cosa”.

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...