venerdì 18 dicembre 2020

Frymeré. La mascherina, ideata da Carla Gallo, arricchirà il Museo del costume di Santa Sofia D'Epiro

 

‘’Frymeré’’. In arbereshe ‘’Nuovo respiro’’. Testimone di protezione e di speranza per la fine della pandemia.

Le mascherina, ideata da Carla Gallo, impreziosirà l’interno del Museo del costume di Santa Sofia d’Epiro, in provincia di Cosenza, “a perenne ricordo del tempo che stiamo vivendo”.

A darne notizia, il sindaco del piccolo centro, Daniele Sisca.

“Mi è stato recapitato questo splendido regalo – ha scritto il primo cittadino di Santa Sofia d’Epiro su Facebook -.

Una mascherina, realizzata magistralmente, dalla nostra compaesana, Carla Gallo, che simboleggia la nostra cultura in tempo di pandemia”.

Ad accompagnare le mascherine vi era una lettera, ricca di amore, che descrive la mascherina come un “accessorio che oggi, più che mai – scrive Carla Gallo al sindaco Sisca - trasmette l’esempio del coraggio e della rinascita che i nostri antenati arbereshe tramandarono a noi. Quindi, il cambiamento che stiamo vivendo.

Il costume albanese come emblema di ‘’ponte’’ – si legge ancora nella missiva – che lega un presente, intriso di passato, è una delle testimonianze di questa evoluzione anche nei costumi e nelle nostre tradizioni”.

La mascherina ‘’Frymerè’’, come detto, sarà collocata all’interno del Museo del costume di Santa Sofia d’Epiro.

“Un grazie di cuore a Carla Gallo – afferma il sindaco Daniele Sisca - per aver realizzato, con scrupolosa cura dei particolari, questo splendido oggetto”.

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...