lunedì 28 dicembre 2020

In Italia, si accende la polemica sul personale sanitario che rifiuta il vaccino anti-Covid.

 

L'Ordine dei medici di Roma, ha avviato un procedimento disciplinare nei confronti di 13 medici no vax che hanno espresso le loro convinzioni sui social e in tv.


Secondo il sottosegretario alla salute, Sandra Zampa, "se ci si rendesse conto che c'è un rifiuto che non si riesce a superare credo andrebbe considerato l'obbligo di vaccinarsi nel servizio pubblico”.


Di contro, il ministro della Pubblica amministrazione, Fabiana Dadone. "Non sono una grande appassionata dell'obbligo in campo vaccinale – ha spiegato -. Credo sia più giusta una forte raccomandazione".


Intanto, secondo quanto si è appreso, sono un centinaio circa i medici contrari alle vaccinazioni. “Per noi – ha affermato all’Ansa il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei medici e Odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, - chi sta con i no vax è incompatibile con la professione, perché mette in discussione le evidenze scientifiche. Ci sono, poi, medici che non vogliono essere vaccinati e possono avere diverse motivazioni, a volte coincidono con i no vax, ma non tutti sono incanalabili in questo filone.

La stragrande maggioranza dei medici si vuole vaccinare contro il Covid – ha proseguito Anelli -. Abbiamo una forte pressione, da parte di medici della sanità privata e odontoiatri che vorrebbero vaccinarsi, oltre a voler contribuire alla somministrazione delle dosi".

(Fonte Ansa)

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...