martedì 22 dicembre 2020

Israele verso un terzo lockdown.

 

Secondo quanto si è appreso, il primo ministro, Benyamin Netanyahu, ha convocato per domani il gabinetto di governo per affrontare la situazione Covid nel paese.

“È molto probabile - come ha detto il ministro della sanità Yuli Edelstein - che si vada ad un nuovo lockdown: il terzo da inizio pandemia.

Abbiamo perso l'occasione per una nuova stretta – ha affermato - ed ora non c'è altra soluzione che un nuovo lockdown. Siamo in una situazione critica. Abbiamo perso tempo e la situazione dell'infezione indica che non abbiamo altra scelta.

Siamo entrati in una terza ondata. L’effetto dei vaccini – ha continuato Edelstein - si vedrà tra due o tre mesi".

In Israele, i casi nelle ultime 24 ore sono stati oltre 3.500 con un tasso di contagio pari al 4,2% a fronte di 86.857 tamponi. Sta, comunque, procedendo la vaccinazione di massa che in questa fase riguarda in particolare gli over 60.

 Secondo Haaretz finora sono state immunizzate oltre 11.000 persone che si aggiungono ai circa 15 mila del personale medico. Tra chi si è vaccinato, dando così un esempio ai suoi fedeli, c'è stato il rabbino ortodosso Gershon Edelstein 97 anni presidente del Consiglio dei Saggi della Torah.

(Fonte Sky Tg24)

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...