venerdì 30 marzo 2012

Operazione ''Tela del Ragno''...

Sono 250 gli indagati nell'ambito dell'operazione ''Tela del Ragno'', condotta dai carabinieri del comando provinciale di Cosenza e del raggruppamento speciale e coordinata dai magistrati della direzione distrettuale antimafia di Catanzaro. All'operazione partecipano 500 militari, elicotteri e unità cinofile.
63 le ordinanze di custodia cautelare, emesse dal gip. Agli arrestati sono contestati i reati di associazione mafiosa, omicidi, tentati omicidi, usura ed estorsione.

Accertate infiltrazioni in numerosi appalti pubblici e sequestrati 15 milioni di euro di beni mobili e immobili.

Al centro dell'indagine, le dinamiche criminali delle cosche del capoluogo e del versante tirrenico della provincia di Cosenza, con la ricostruzione della maggior parte dei fatti di sangue che hanno contrassegnato il territorio negli ultimi 30 anni di guerre di mafia.
L'operazione di questa mattina, ha consentito di disarticolare sette cosche della 'ndrangheta, attive nell'area del tirreno cosentino e nel capoluogo, con diversi interessi in varie regioni d'Italia.

Scoperti anche autori e mandanti di numerosi omicidi e attentati, consumati nell'ambito di una guerra di mafia tra diversi gruppi criminali, in consorteria tra loro per il controllo delle attività illecite sul territorio.

 Gli arresti sono stati compiuti sia in Calabria, sia nel Lazio, sia in Lombardia e nel Veneto.

Colpite le cosche Lanzino-Locicero di Cosenza, subentrata a quella dei Perna-Ruà, Muto di Cetraro, Scofano-Mastallo-Ditto-La Rosa e Serpa di Paola, Calvano e Carbone di San Lucido, e Gentile-Besalvo di Amantea.

Nell'ambito della conferenza stampa di questa mattina, gli inquirenti hanno espresso soddisfazione per la brillante operazione, portata a termine dai militari dell'arma.

Secondo il sostituto procuratore generale di Catanzaro, Eugenio Facciolla, applicato alla Dda per coordinare l'inchiesta che ha portato all'arresto di 63 persone,''dopo 30 anni si è ristabilita la legalità. 'Quella di oggi - ha aggiunto - è una grande operazione che disarticola alcune pericolose consorterie criminali''. A Facciolla, fa eco il procuratore generale di Catanzaro, Santi Consoli, secondo il quale "i cittadini devono collaborare, devono avere fiducia nelle forze dell'ordine e della magistratura. Le risposte ci saranno come ci sono oggi". Il magistrato ha proseguito facendo esplicito riferimento ai commercianti, agli imprenditori e alle altre vittime del racket e dell'usura, invitandoli a ribellarsi.

mercoledì 28 marzo 2012

...L'isola vicino al paradiso... Un inno all'amore...

Non si può non rimanere a bocca aperta, ammirando la foto qui accanto...
Il paradiso in mezzo al mare... Un mare cristallino, immerso in una natura incontaminata e con dei fondali tutti da scoprire...
Si tratta di un isolotto, situato nel cuore dell'oceano pacifico, a soli 1.500 chilometri a est dalle coste australiane.

"La Nuova Caledonia''...

Qui la natura è ancora incontaminata: spiagge deserte, piccoli sentieri ombreggiati da banani e pini colonnari, una scogliera corallina, che nel 2008 è stata inserita nella lista dei patrimoni mondiali Unesco, e una laguna chiusa che rappresenta la più grande risorsa di questa sorprendente terra.
E per non farci mancare nulla, ecco un cuore...
Il cuore di Voh: un disegno, o forse un omaggio all'amore, realizzato dalla natura tra le mangrovie...
Paradiso da scoprire...

martedì 13 marzo 2012

...L'U.S. Scalea compie 100 anni...


A proposito di iniziative degne di essere menzionate!!!
Quando il lavoro in team premia...

Domenica 25 marzo, a partire dalle ore 18:00, nella sala polifunzionale del comune di Scalea, avranno inizio i festeggiamenti del centenario dell’U.S. Scalea 1912.

C’è tanto fervore per la prima serata, sulla quale stà lavorando, a tempo pieno, il comitato promotore formato dal delegato allo sport del Comune di Scalea, Fabio Ferrara, dal delegato dell’attuale società dell’U.S. Scalea 1912, Enzo Greco, e da molti appassionati che stanno lavorando in sordina per celebrare al meglio un evento che appartiene a tutta la cittadinanza e che vuole ricordare e riportare alla memoria di tutti le gesta dei tanti campioni che si sono succeduti e hanno contribuito a portare il nome della nostra città in giro per l’Italia.
Un lavoro certosino, ottenuto grazie ad una grande sinergia tra Amministrazione Comunale, U.S. Scalea 1912 e appassionati che hanno voluto fornire collaborazione e che porterà ad altri appuntamenti, già in agenda.
”E’ stata scelta la data del 25 Marzo - ha dichiarato Enzo Greco - per conciliare la concomitanza della partita che la squadra disputerà in casa contro il Rende, dopo la quale tutti insieme festeggeremo con una serata ricca di ricordi, documentati con video e fotografie delle epoche e delle vittorie che si sono succedute.”
A Greco fa eco il delegato allo sport del comune di Scalea, Fabio Ferrara, onorato di rappresentare l’amministrazione comunale nell’anno del centenario. "In special modo - continua Ferrara - mi onora  lavorare attivamente  per un appuntamento di tale rilevanza storico-culturale oltre che sportiva. I ricordi, gli aneddoti e le storie che ho avuto modo di conoscere durante le riunioni del comitato sono un vero e proprio tesoro che la nostra città deve celebrare e conservare nella memoria per poi poterlo raccontare. Devo necessariamente ringraziare tutti i membri del comitato,  che stanno spendendo il loro tempo per riuscire ad organizzare appuntamenti che vedranno protagonisti tutti coloro che hanno contribuito a rendere grande questa società, presidenti, giocatori, allenatori, dirigenti e tifosi. Nella serata innaugurale - prosegue Fabio Ferrara - non mancheranno momenti di intrattenimento che allieteranno il pubblico che spero sia numerosissimo perché il centenario dell’U.S. Scalea 1912 appartiene a tutto il popolo scaleoto, non solo a quello sportivo”.

...Storie di donne!

Mentre scrivo, la rete è inondata da notizie di cronaca, molte delle quali riguardanti l’universo femminile e le sue contraddizioni.
“E già”, parafrasando Vasco…  Sono proprio le donne che, quest’oggi, la fanno da padrona.
Navigando tra i siti di informazione, non può non balzare agli occhi il ruolo che le donne hanno avuto, in queste ore, in diversi ambiti, dalla criminalità organizzata, alla corruzione e, non ultima, la disperazione.
Ma partiamo da Reggio Calabria, dove i carabinieri hanno fermato 17 persone, tra cui 6 donne, indagate per associazione mafiosa, procurata inosservanza della pena, favoreggiamento personale e intestazione fittizia di beni, aggravati dalle finalità mafiose. Secondo l’accusa, le stesse, avrebbero aiutato, dando sostegno economico e logistico, il boss latitante Domenico Condello, esponente di vertice della 'ndrangheta reggina, proteggendo e favorendo gli interessi della cosca.
In Inghilterra, prima pagina dedicata all’arresto di Rebekah Brooks, ex ceo di News International.  La Brooks era già stata arrestata, e poi rilasciata su cauzione, il 17 luglio scorso, al culmine dello scandalo che aveva determinato la chiusura di "News of the World" e alle dimissioni della stessa Brooks. Con lei, in carcere, anche il marito e altre 4 persone, implicati nell’ ‘’Operation Weeting’’ sulle intercettazioni illegali. Accanto a questa inchiesta, la polizia londinese sta conducendo anche l'operazione ‘’Elveden’’, riguardo la corruzione di agenti di polizia e altri funzionari pubblici per ottenere informazioni riguardanti The Sun.
Ma la storia più agghiacciante è quella di una ragazzina greca di 12 anni, arrestata dalla polizia con l'accusa di aver venduto il figlio di 10 settimane ad una coppia di poliziotti in borghese per la somma di 12.500 euro. Si tratta dell’ennesimo dramma dell'emarginazione e della crisi economica in Grecia. La vicenda è avvenuta nella località di Xrysoupoli, dopo che la polizia aveva ricevuto una soffiata.
Storie diverse che, in alcuni casi, lasciano l’amaro in bocca come quest’ultima.
Siamo abituati, da mesi, ad assistere ad un tam tam di notizie, riguardanti la violenza sulle donne che, il più delle volte, sfocia in tragedia. Melania Rea, Sarah Scazzi, Yara Gambirasio e tantissime altre che hanno perso la vita in maniera incomprensibile.
 Ma il risvolto della medaglia è anche un altro. Oggi, siamo spettatori di un universo del tutto diverso che non appartiene affatto a tutte quelle donne che, quotidianamente , operano per il rispetto delle regole, delle leggi, per la cultura della legalità e si battono fortemente per rendere limpidi i loro diritti.
In quest'ottica, cerchiamo di renderci partecipi di un risveglio delle coscienze per far si che avvenimenti come quello accaduto in Grecia, non accadano mai più... La vita di un bambino è preziosa. Il genitore deve preservarla, seppur nella disperazione.

mercoledì 7 marzo 2012

Auguri a tutte le donne...

...Lezione di vita!

"Certe cose non si fanno per coraggio. Si fanno per continuare a guardare, serenamente, negli occhi i propri figli e i figli dei propri figli"... (Carlo Alberto Dalla Chiesa)

Ho appena finito di leggere, tutto d'un fiato, un libro dedicato al Generale dei carabinieri, Carlo Alberto Dalla Chiesa. Uno scritto pieno di speranza e voglia di giustizia.
La frase che ho apposto in appendice è, per me, significativa di una volontà dell'anima di continuare ad operare con passione e dedizione verso le leggi dello stato.
Il coraggio non serve. Le azioni, quelle portate avanti con spirito di servizio e amore verso la giustizia e la legalità, dovrebbero essere la colonna portante del vivere quotidiano. L'insegnamento del generale Dalla Chiesa è proprio questo.
Un insegnamento che porta dentro di se quella luce di riscatto di tanti uomini e donne che credono ancora nelle leggi e portano avanti la sua lezione di vità, sacrificata per tutti noi. 
Guardare negli occhi un bimbo e trasmettergli serenità e amore per la vita è qualcosa di eterno e inestimabile...

venerdì 2 marzo 2012

...Forza Rossella..........

Pare si stia aprendo uno spiraglio nella spinosa vicenda di Rossella Urru, la cooperante italiana, rapita in Algeria ad Ottobre.
La Farnesina si sta adoperando per liberare la giovane sarda. da quanto si è appreso, il ministro degli esteri, Giulio Terzi, ha parlato con il collega algerino che ha promesso il suo personale interessamento. L'unità di crisi, infatti, sta seguendo passo passo questa vicenda difficile. "Ne ho parlato con il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano - ha dichiarato Terzi - . Sono operazioni che richiedono determinazione, volontà e un pizzico di ottimismo".
Il capo della Farnesina ha, poi, spiegato che è in corso una missione di Margherita Boniver, "impegnata in contatti con le autorità dei Paesi coinvolti nella vicenda".
Forza Rossella...
L'Italia è con te...

giovedì 1 marzo 2012

Ciao Lucio,
una vita per la musica...
Una vita che hai amato con umiltà e passione!!!
Il mondo ha perso un talento unico, inimitabile...

...Ce la faremo?...

Riprendo, in toto, un articolo, apparso qualche minuto fa sull'Ansa. E' preoccupante la stima dell'Istat sul tasso di disoccupazione giovanile in Italia. 
A questo punto l'interrogativo è d'obbligo: " Ce la faremo?"... Credo di si. Non è utopia, ma con passione, coraggio e voglia di mettersi in gioco ce la potremo fare... "Volere è potere", dicevano chi antichi... Noi Italiani siamo un popolo meraviglioso e anche nelle avversità sappiamo rialzare la china e andare avanti!!! 

In Italia un giovane su tre e' senza lavoro. A gennaio il tasso di disoccupazione giovanile, ovvero l'incidenza dei 15-24enni disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca di lavoro, e' al 31,1%, in rialzo di 0,1 punti percentuali rispetto a dicembre 2011 e di 2,6 punti su base annua. Lo rileva l'Istat in base a stime provvisorie.
Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) ormai si colloca sopra quota 30% da 5 mesi, ovvero da settembre. E' quanto emerge dai dati provvisori dell'Istat relativi a gennaio 2012, mese che registra un tasso di disoccupazione giovanile al 31,1%, appena sotto il record raggiunto a novembre 2011 (31,2%).
Il tasso di disoccupazione a gennaio é al 9,2%, in rialzo di 0,2 punti percentuali su dicembre e di un punto su base annua. E' il tasso più alto da gennaio 2004 (inizio serie storiche mensili). Lo rileva l'Istat su stime provvisorie. Guardando alle serie storiche trimestrali è il più alto dal primo trimestre 2001.
Il numero dei disoccupati a gennaio è di 2,312 milioni, in rialzo del 2,8% su dicembre (64 mila unità). Lo rileva l'Istat su stime provvisorie. Su base annua l'aumento è del 14,1% (286 mila unità). E' il livello maggiore da gennaio 2004 (inizio serie storiche mensile) e con riferimento alle serie trimestrali dal terzo trimestre 2000.

(Fonte Ansa 1 marzo 2012)