mercoledì 16 dicembre 2020

Misure restrittive in vista del Natale. Vertice di governo con i capidelegazione di maggioranza.

 

Riunione pomeridiana, in videoconferenza, del primo ministro, Giuseppe Conte, con i capi delegazione di maggioranza sulle nuove misure restrittive nel periodo natalizio.

Questa mattina, c’è stato il confronto con le regioni.

Il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha chiesto che l’Italia diventi ‘’Zona Rossa’’ per tutte le festività natalizie. "Il vantaggio di misure restrittive a livello nazionale – ha continuato Zaia in conferenza stampa - è rappresentato dai ristori. In questo senso, oggi il governo ha rassicurato. Anzi, il ministro Boccia ha anche detto di aver sentito il ministro Gualtieri che ha rassicurato su eventuali misure ristorative".

Secondo il presidente della regione Liguria, Giovanni Toti, “per cambiare le regole di Natale è tardi. Siamo partiti con delle regole già di per sé piuttosto assurde. Adesso parliamo di ulteriori interventi normativi che cambiano il quadro. Dove ce ne sia bisogno – ha continuato Toti a 'L'aria che tira' su La7 - io sono anche per fare la zona viola, non solo la zona rossa. Non vedo perché imporre alla Liguria una zona rossa per Natale, quando i liguri in queste settimane si sono impegnati e sacrificati per far calare la curva del contagio e farci arrivare in piena zona gialla.

Per il presidente della regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, si potrebbe ipotizzare una restrizione totale dal 26 dicembre al 6 gennaio. Ai microfoni di "Un giorno da pecora" su Radiouno, Fedriga ha spiegato che il periodo indicato "non è la massima espressione del commercio, perché di solito uno fa gli acquisti prima di Natale. Diverso il discorso per i ristoranti che rischiano di essere "massacrati. Se il governo ravvisa la necessità di chiusura durante il periodo festivo – ha continuato Fedriga - allora servono ristori totali".

Al meeting di questo pomeriggio tra esecutivo e capidelegazione è assente, come annunciato, il ministro di Italia Viva, Teresa Bellanova. Partecipano i ministri Roberto Speranza, Dario Franceschini, Alfonso Bonafede, Francesco Boccia e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Riccardo Fraccaro.

"La ministra Bellanova – si legge in una nota di Iv - è impegnata, come sanno da tempo sia il presidente Conte che i capidelegazione, in una missione a Bruxelles a tutela del Made in Italy agroalimentare e rientrerà in serata.

La posizione di Italia Viva – continua la nota - è chiara, ribadita nelle ultime ore anche da Renzi. Sulle ulteriori misure da adottare, il partito sosterrà lealmente la posizione del governo, purché si decida tempestivamente e si diano ai cittadini regole chiare".

 

 

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...