lunedì 7 dicembre 2020

Nel mondo si contano più di 67 milioni contagi di Covid-19. In testa gli States. La Grecia estende il lockdown fino al 7 gennaio.

In 24 ore, secondo i dati dell’Oms aggiornati al 6 dicembre, il Paese che ha registrato più nuovi casi sono gli Stati Uniti, 213.127, primi al livello globale anche per numero totale di casi e vittime. Negli Usa, i casi totali hanno raggiunto quota 14.757.000. 282.299 le vittime.

È di oggi la notizia del ricovero in un ospedale di Washington di Rudolph Giuliani, attuale avvocato di Trump. Ha i sintomi tipici del Covid – 19.  L’ex sindaco di New York, 76 anni, nelle settimane scorse ha girato, senza sosta, tra i vari Stati americani, portando avanti la battaglia di Trump contro presunti brogli nelle elezioni presidenziali.

San Francisco in lockdown per tre settimane, a causa dell'impennata dei contagi.

Dopo gli States, figurano Brasile e India, seguiti da 5 nazioni europee: Italia, Germania, Regno Unito, Francia e Polonia.

In Brasile si registrano 46.884 nuovi casi in 24 ore. I contagi totali sono 6.603.540. I morti salgono a 176.941.

Al terzo posto nel mondo l’India, con 36.011 nuovi casi in un giorno. Nel Paese, i contagi totali sono 9.677.203. I decessi 140.573.

Segue la Russia con 29.039 nuovi casi giornalieri. 2.439.163 i casi totali. 42.675 le vittime.

L’Italia ha registrato 21.052 nuovi casi nelle ultime 24 ore. I contagi totali salgono a 1.709.991. Le vittime sono 59.514.

Continua a preoccupare la Germania che registra 17.767 nuovi casi in 24 ore. Nel Paese, i casi totali sono 1.194.550. I decessi 18.989.

Segue il Regno Unito con 15.539 nuovi contagi giornalieri. I casi totali sono 1.727.751. I decessi 61.342.

All’ottavo posto la Francia con 12.850 nuovi contagi in 24 ore. I casi totali arrivano a 2.345.648. 55.247 le vittime.

In Polonia i nuovi casi giornalieri sono 12.427. Nel Paese, i contagi totali sono 1.063.449. I decessi salgono a 20.089

Al decimo posto l’Iran con 12.151 casi giornalieri. Nel Paese i contagi totali salgono a 1.040.547. Le vittime sono 50.310.

La curva del contagio non si è arrestata in Grecia che ha esteso il Locdown fino al 7 gennaio.

Lo ha annunciato il portavoce dell'esecutivo, Stelios Petsas, motivando la decisione con "progressi troppo lenti nell'abbassamento dei contagi, più lenti di quanto ci aspettassimo". Le misure impongono restrizioni a scuole, ristoranti, tribunali, sport, nonché il divieto a spostarsi tra regioni.

I viaggiatori che arrivano in Grecia devono sottoporsi ad una quarantena di 10 giorni. I nuovi casi settimanali sono ora circa 1.600, contro i 2.300 di un mese fa.

"Il sistema sanitario nazionale è ancora sotto pressione – ha affermato Petsas -. Circa 3.000 persone sono morte a causa del Covid in Grecia. 600 persone sono attualmente in terapia intensiva. I vaccini, su base volontaria, dovrebbero iniziare ad essere disponibili a inizio gennaio”.

(Fonte Sky Tg24)

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...