mercoledì 24 febbraio 2021

Emergenza Covid - 19. Il ministro della Salute, Roberto Speranza: "Non ci sono oggi le condizioni per allentare le misure"

 

"Non ci sono oggi le condizioni per allentare le misure". È quanto afferma, il ministro della salute, Roberto Speranza, nell’informativa al Senato, in vista del nuovo Dpcm che, in vigore dal 6 marzo al 6 aprile, conterrà provvedimenti di contrasto alla diffusione del coronavirus.

"Argineremo il virus grazie alla scienza e al lavoro quotidiano del nostro personale sanitario – ha continuato Speranza -. Vediamo la luce in fondo al tunnel.

In questo ultimo miglio non possiamo, però, abbassare la guardia. Non ci sono le condizioni epidemiologiche per allentare le misure di contrasto alla pandemia, in un quadro in cui la variante inglese è presente su gran parte del territorio nazionale.

È indispensabile dire sempre la verità al paese sull'andamento della pandemia – ha spiegato il ministro della salute -.La cabina di regia, ha evidenziato che per la terza settimana consecutiva, si confermano segnali di tendenza ad un graduale incremento dell'evoluzione epidemiologica. 

L'incidenza settimanale, supera la soglia di 200 casi per 100mila abitanti in 3 regioni. È lontana dal livello che consentirebbe l'identificazione e il tracciamento dei contatti sul territorio nazionale. 

Abbiamo le terapie intensive in 5 regioni sopra la soglia critica del 30%, mediamente a livello nazionale sono occupate al 24%. 

Negli ultimi giorni – ha detto Roberto Speranza – si è consolidato l'aumento complessivo del numero delle persone ricoverate.

L'indice Rt medio, calcolato sui casi sintomatici nell'ultimo rilevamento, è a 0,99, in crescita rispetto alla settimana precedente e con un limite superiore che va oltre 1. Dieci regioni – prosegue Speranza - hanno un Rt puntuale maggiore di 1, in aumento rispetto alla settimana precedente. Questo significa che l'Rt con le misure in vigore si avvia a superare la soglia di 1”.

Il ministro Speranza, nella sua informativa a Palazzo Madama, si è soffermato anche sul ruolo del Comitato tecnico scientifico.

 "Va ringraziato per il prezioso aiuto – ha ribadito - ma tutto quello che può essere fatto per renderlo più agile e tempestivo è sicuramente utile al nostro lavoro. E anche l'idea di una comunicazione più univoca con un portavoce è una proposta che può essere considerata positivamente".

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...