sabato 7 novembre 2020

Silenzio...... Abbiamo bisogno solo di fatti.

 

Non era ‘’Scherzi a parte’’. Non era una ‘’Candid camera’’. Non era la sceneggiatura di un film. Era, è la realtà.

Ciò che è accaduto ieri sera non è altro che la ciliegina sulla torta di una telenovelas che, in Calabria, va avanti da anni. Il tutto in barba alla salute dei cittadini.

Ho ammirato il collega della trasmissione ‘’Titolo V’’ che è riuscito, con garbo, a scoperchiare il vaso di pandora di un commissariamento, a mio modesto avviso, senza senso. Ma come poteva, il generale Cotticelli, non sapere di dover preparare il piano anti – Covid - 19? Mistero…………….

Eravamo zona rossa? Continuiamo ad esserlo. A maggior ragione, dopo il pronunciamento del Tar che oggi, ha respinto il ricorso della Regione Calabria contro la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministero della Salute per l'annullamento dell'ultimo Dpcm, con cui la regione è stata classificata come "zona rossa", quindi a più alto rischio. Il Tribunale amministrativo regionale, ha fissato la trattazione al 18 novembre prossimo. 

La politica, in queste ore, invece dei comunicati stampa di condanna, di richiesta di dimissioni immediate del commissario, di vicinanza alla Calabria, avrebbe dovuto chiedere scusa a tutti noi. Il premier Conte, in mattinata, ha cercato di tranquillizzare i calabresi: "Meritano subito un nuovo commissario – ha dichiarato - pienamente capace di affrontare la complessa e impegnativa sfida della sanità". Cotticelli si è dimesso pochi minuti dopo.  Ma non è stato il primo esecutivo, guidato da Conte, ad aver nominato il commissario Cotticelli e ad averlo riconfermato qualche giorno fa per altri tre anni? Altro Mistero............

Le istituzioni, tutte, i sindacati sono scesi in campo riempiendosi di parole, solo parole. Un caro amico ha sempre detto: “La bocca è una grande ricchezza”. Quindi SILENZIO. E lo dico sul serio. Molte persone, farebbero una bella figura se non proferissero parola.  

Siamo stati defraudati di tutto. Maltrattati nel nostro intimo. È da extraterrestri chiedere di essere curati e amministrati degnamente? È chiedere troppo essere messi nelle condizioni di lavorare onestamente e con professionalità in Calabria? È chiedere troppo usufruire di un diritto senza dover chiedere sempre il classico favore? È chiedere troppo fare il proprio lavoro senza essere surclassati dal raccomandato di turno o da chi non ha i titoli?

Chiedo troppo? Forse si. Ho deciso di rimanere nella mia terra. Qui mi sono sposata e ho tutti i miei affetti più cari. Ringrazio ogni giorno i miei genitori di avermi fatta crescere con il senso del dovere e dell’immenso rispetto per lo Stato e le sue leggi, ma mi ritrovo a vivere in un mondo senza regole, dove vanno avanti solo coloro i quali riscaldano  le poltrone e se ne infischiano del nostro essere. Ci vuole preparazione. Ad ognuno il proprio lavoro. Non potrei mai sostituirmi ad un astrofisico (faccio un esempio per assurdo). Ci vuole onestà intellettuale. Riappropriamoci nella nostra terra madre, la nostra Magna Graecia. Facciamo si che la Calabria, dalla cenere si rialzi più bella di prima.

Riprendiamo in mano il nostro futuro. Facciamolo serenamente.

Mi piace, a tal fine, ricordare una frase del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, un carabiniere con la ‘’C’’ maiuscola. Un uomo dello Stato.

 “Certe cose non si fanno per coraggio, si fanno solo per guardare più serenamente negli occhi i propri figli e i figli dei nostri figli”. Ricordiamolo sempre.

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...