sabato 28 novembre 2020

Guido Longo: "Vengo in Calabria con il cuore"

 

“Il mio è un grande atto di amore verso la Calabria e il popolo calabrese”. 

Non ha bisogno di commenti l’affermazione del neo commissario ad acta alla sanità, Guido Longo. Solo tanta emozione.

 Parole così belle, sentite che trafiggono il cuore e fanno sperare in un futuro prospero.

Anche noi dobbiamo metterci del nostro e non piangerci addosso. Rimbocchiamoci le maniche e iniziavo a lavorare per una nuova ‘’Primavera della Calabria’’.

“È una regione che ha bisogno di noi urgentemente. So in cosa metto le mani”.

Da queste parole è evidente che Longo ha le idee chiare su come affrontare la situazione e su come gestire un settore molto delicato. Ma soprattutto, credo abbia quell’umiltà e senso del dovere che tutti noi cerchiamo da sempre.

Mi riferisco a quelle persone, servitori onesti dello Stato in qualunque ambito lavorativo, che non abbandonano quella fetta di popolazione, ed è la stragrande maggioranza, che chiede solo di essere tutelata nei propri diritti essenziali e non relegata in un angolo.  

“In Calabria, ci sono problematiche molto importanti – ha affermato Longo -. Del resto, non ho mai avuto incarichi facili, sono abituato a queste tipologie.

Nella mia carriera – ha continuato Longo a Rai Radio 1 - ho sempre affrontato sfide. Ringrazio il governo per la fiducia che mi ha dato. Spero di poterla ripagare.

Il mio è un grande atto di amore verso la Calabria e verso il popolo calabrese. Sono stato in Calabria negli anni ’80, per la seconda guerra di ‘ndrangheta. Poi sono tornato come questore di Reggio Calabria nel 2012 e prefetto di Vibo Valentia nel 2017.

La mia ricetta è lavorare seriamente e occuparmi della popolazione. La popolazione calabrese ha bisogno di noi, urgentemente. Dalle istituzioni calabresi, mi aspetto collaborazione. Sono un uomo delle istituzioni, non ho altre problematiche, non me le pongo”.

Come lui stesso ha affermato, “vengo in Calabria con il cuore” . Il cuore di chi conosce bene il territorio e sa perfettamente di cosa abbiamo bisogno: Onestà, rispetto delle leggi dello stato, trasparenza, professionalità, meritocrazia.

La nostra è una terra che o si odia o si ama. E chi impara ad amarla fa di tutto per valorizzare appieno tutte le potenzialità che può esprimere. Non la abbandonerà mai.

Buon lavoro signor prefetto.

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...