martedì 17 novembre 2020

Dati sulla Pandemia: ll virologo dell’Università degli studi di Milano e direttore sanitario dell’ospedale Galeazzi, Fabrizio Pregliasco ,spiega: "Siamo nella fase di plateau e bisogna insistere. Sarà un Natale sobrio, dipende da noi se con meno obblighi”

 


 “La curva del contagio è ancora in crescita, ma è una crescita lineare. Direi che dobbiamo aspettarci ancora una crescita e arrivare, spero, al picco entro una settimana”. È quanto ha affermato il virologo, Fabrizio Pregliasco, intervistato questa mattina dalla giornalista, Tonia Cartolano, a ‘’Buongiorno’’ su Sky Tg24.  Secondo il direttore sanitario dell’ospedale Galeazzi di Milano, “siamo nella fase di plateau e bisogna insistere, questo è fondamentale”.

Mancano poche settimane al Natale e in molti si stanno chiedendo cosa accadrà. “E’ difficile fare previsioni  così a lungo termine – ha continuato Pregliasco -. Dipenderà dai risultati e dall’impegno di tutti noi, cittadini e istituzioni. L’emergenza non è scavallata, ma quasi. Su questo dobbiamo essere tutti confidenti per un futuro più sereno. Siamo nella fase di picco. Ho visto dati che mi rasserenano. Ad esempio, nel numero di chiamate d’ambulanza in Lombardia, si vede un evidente decremento da alcuni giorni. È una situazione  - ha detto Pregliasco ai microfoni di Sky - che vede Lombardia, Campania e Piemonte ancora coinvolte pesantemente, però si vedono plurimi segnali di raffreddamento della crescita. Questo è un aspetto positivo che, a mio avviso, dimostra l’efficacia delle disposizioni e il fatto che noi cittadini, un po’ obtorto collo e con la sofferenza dei lavoratori delle attività colpite, stiamo lavorando al meglio. E questo è ciò che dovremo fare per darci una speranza di un Natale sobrio, magari meno impegnato dal punto di vista degli obblighi e delle disposizioni”.

Alla luce dei fatti, si potrebbero immaginare delle aperture a livello provinciale nelle aree meno colpite dalla pandemia. “Più insistiamo in questo momento e più otterremo risultati per rasserenarci nel prossimo futuro – ha dichiarato il virologo -. È chiaro che la sofferenza delle attività industriali, dei cittadini che in questo momento, rispetto alla prima ondata, sono più insofferenti, è un elemento che può far pensare alla riduzione di alcune disposizioni sui territori meno colpiti. Questo non è di mia competenza – ha chiosato Fabrizio Pregliasco - ma potrebbe esserci un allentamento andando a vedere la situazione delle varie province. Deve, comunque, essere una decisione concordata con tutti i livelli istituzionali. Ci vuole chiarezza, non polemica e contestazioni. Serve una voce unica che sia corale”.

Sui vaccini, da settimane si alternano notizie, provenienti dalle case farmaceutiche, dell’efficacia dei sieri. In ordine di tempo è intervenuta ‘’Moderna’’, azienda americana che sta testando un vaccino contro il Covid - 19, basato sulla stessa piattaforma per l'immunizzazione utilizzata da Pfizer. In una nota, l’azienda comunica che il suo vaccino “ha un'efficacia del 94.5% e, contrariamente ad altri vaccini in fase di test, rimane stabile per 30 giorni anche a temperature tra 2°C e -8°C. La temperature di un normale congelatore o frigorifero domestico o medico".

 “Il vaccino di ‘’Moderna’’ – ha spiegato Pregliasco - è più maneggevole dal punto di vista della catena del freddo. Quello di Pfizer è più complicato perché necessita di temperature più basse. I risultati clinici sono interessanti. Sono elementi che vanno ancora ulteriormente valutati, ma credo siamo ormai all’ultima raccolta di dati. L’effetto di sanità pubblica delle campagne di vaccinazione con questi vaccini e di altri in arrivo – ha continuato Pregliasco sempre ai microfoni di Sky Tg24 - lo vedremo nel corso del 2021, perché servirà l’organizzazione, la logistica, il coinvolgimento delle persone, anche quella quota del 30% di italiani scettico sul vaccino”.

Ieri, nell’ambito della quotidiana conferenza stampa, il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha provato, su se stesso, il nuovo test diagnostico "fai da te" per il Covid. Tra operazione e risultato del test, risultato negativo, ha impiegato poco più di un minuto e mezzo. "Si apre un grande scenario, quello della tracciabilità – ha affermato Zaia -. Se tutti facessimo il test, sarebbe una gran cosa perché chi lo fa ha in mano non solo le sorti della sua vita ma anche quelle di una comunità".

Proprio sul test fai da te Pregliasco è chiaro. “Sono un elemento complementare. I tamponi molecolari – ha dichiarato - rimarranno il riferimento per eseguire una diagnosi a livello ospedaliero, ma i test aiuteranno a ridurre quell’ansia da parte dei cittadini che, spesso, ha determinato code inenarrabili per eseguire i tamponi. Questo test potrebbe rendere meno ansiogena l’attesa del tampone”.

(Fonte Sky Tg24)

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...