lunedì 18 gennaio 2021

Crisi di Governo. Occhiuto: "Noi aiuteremo il Paese, ma non il governo". Mulè: "Conte non è capace di guidare il Paese". Napoli: "Appellarsi ai responsabili e ai costruttori, senza offrire una visione politica concreta del Paese, è davvero un atto frammisto di ingenuità e velleitarismo".

 

Negli interventi alla Camera dei Deputati, dopo il discorso del premier Giuseppe Conte, dai banchi di Forza Italia tengono a sottolineare le responsabilità del capo del governo.

“Signor presidente – ha detto il deputato azzurro, Roberto Occhiuto - le diciamo subito che noi aiuteremo il Paese ma non il suo governo. Nessuno di noi voterà per la fiducia al suo governo, ma siamo disponibili a votare lo scostamento di bilancio, il decreto sui ristori, ogni provvedimento che il suo o un altro governo che va nella direzione della salute degli italiani e della loro sopravvivenza economica.  

Lei – ha continuato Occhiuto - ha fatto un discorso auto-assolutorio, ma ha grandi responsabilità. Ha guidato un governo che si è limitato a inseguire la crisi e che ha dimostrato i suoi ritardi nel tracciare i contagi, nei risarcimenti, nella scuola, nei trasporti, negli ospedali. Le sue responsabilità ci sono.

Ci sono responsabilità anche di Renzi, che dice spesso cose giuste ma fa sempre cose sbagliate. Ha responsabilità anche il Movimento 5 Stelle che sta a guardare ciò che sta succedendo ed è disposto a tutto pur non di perdere la poltrona. Siete diventati peggio della peggiore casta".

In una nota stampa, Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato, parla del primo ministro come “uomo politicamente disperato che ha tentato, oggi alla Camera, l'ennesima acrobazia, l'ennesimo esercizio di trasformismo sulla pelle degli italiani con un discorso stucchevole, senza alcun respiro, senza alcuna visione e proiettato soltanto a blandire improbabili responsabili in giro.

Giuseppe Conte – scrive Mulè - certifica, ove mai ce ne fosse bisogno, la sua incapacità di guidare il Paese e portarlo fuori dalle secche. Un elenco di "abbiamo fatto" e "faremo" senza la minima critica. Mai la fiducia, mai complici di un premier che mente sapendo di mentire, mai complici di un governo che prende in giro gli italiani".

Da parlamentare navigato, Osvaldo Napoli, riassume, così, il senso del discorso a Montecitorio del presidente del Consiglio.

 "Ci sono voluti 56 minuti al premier per comunicare l'unica notizia. Il governo è impegnato in una riforma della legge elettorale chiaramente proporzionale, non chiaro peraltro se il proporzionale tradizionale o di impronta spagnola, che farebbe strame delle forze minori.

Il resto del discorso – dice Napoli - è stato dedicato, in buona misura, ad attaccare Matteo Renzi. Un attacco frontale per sancire l'impossibilità di ricucire un'alleanza..

Conte - dichiara il deputato di Forza Italia - non ha un progetto politico. Si tiene stretta la maggioranza parlamentare residua, tenuta insieme da vaghi e retorici richiami all'europeismo e al liberalismo. Richiami, negati dalle azioni concrete del suo governo.

Nessuna novità sul Recovery plan, che si conferma, così, un progetto quanto mai vago sull'impiego di risorse ingenti. Un discorso deludente sotto il profilo politico, privo di respiro e di ambizione.

Appellarsi ai responsabili e ai costruttori, senza offrire una visione politica concreta del Paese, è davvero un atto frammisto di ingenuità e velleitarismo".

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...