giovedì 7 gennaio 2021

Usa. Assalto al Campidoglio. Non è questa l'America!

 

Il Congresso americano, presieduto dal vicepresidente, Mike Pence, ha certificato la vittoria del presidente eletto Joe Biden.

Biden, ha avuto 306 voti dei grandi elettori contro i 232 ottenuti dal presidente uscente Donald Trump. Con il conteggio del Vermont che ha decretato 3 voti per Biden, i suffragi hanno superato la maggioranza richiesta di 270, confermando il presidente Biden e la vicepresidente Kamala Harris alla Casa Bianca.

La certificazione, è avvenuta dopo l'attacco di ieri alla sede del Congresso a Capitol Hill da parte di un gruppo di sostenitori di Donald Trump, per cercare di ostacolare i lavori degli eletti.

La cerimonia di transizione ufficiale, si terrà il prossimo 20 gennaio.

Donald Trump in una dichiarazione diffusa dalla Casa Bianca, ha reso noto che pur essendo “totalmente in disaccordo con il risultato delle elezioni ci sarà una transizione ordinata verso il 20 gennaio, giorno del giuramento e dell'insediamento di Joe Biden alla Casa Bianca”.

Ieri, dopo che alcuni supporter hanno fatto irruzione a Capitol Hill, dov’era in corso la ratifica da parte del Congresso della vittoria di Biden alle presidenziali, il tycoon ha pubblicato un video su Twitter per esortarli a fermare le proteste.

“Lo so che siete feriti. Ci hanno rubato le lezioni - ha detto Trump su Twitter -. Un'elezione che abbiamo vinto a valanga e lo sanno tutti. Ma dovete andare a casa ora. Dobbiamo avere pace, ordine, legalità e rispettare gli agenti. Non vogliamo che nessuno venga ferito. È un periodo difficile. Questa è stata un'elezione fraudolenta, ma c'è bisogno di pace. Andate a casa, siete speciali, vedremo cosa accade".


Facebook e Youtube hanno rimosso il video. “Si tratta di una situazione di emergenza e stiamo adottando misure di emergenza appropriate, compresa la rimozione del video del Presidente Trump - ha scritto su Twitter il Vp Integrity di Facebook, Guy Rosen”.

Twitter ha, poi, deciso di sospendere per 12 ore l'account di Trump, minacciando il blocco permanente.

L’accusa, quella dei brogli elettorali, è stata lanciata da Trump sin dai primi giorni dopo le elezioni e ribadita nel pomeriggio di ieri davanti ad alcune migliaia di fan, radunatisi nel parco a sud della Casa Bianca per la manifestazione “Save America”.

Il tycoon ha detto di aver vinto con 75 milioni di voti, "di gran lunga più della prima volta", mentre Joe Biden ne ha avuti 80 milioni con i computer. Poi, il presidente ha attaccato i media, "il problema più grande", e Big Tech.


"Non ci arrenderemo mai, non concederemo mai la vittoria – ha dichiarato Trump -. Fermeremo il furto dei voti. Avremo un presidente illegittimo, non possiamo permetterlo”.


Biden ha parlato di “una minaccia senza precedenti. Questa – ha spiegato - non è una protesta, è un'insurrezione. Le scene di caos non riflettono l'America vera, non rappresentano chi siamo. È un assalto all’applicazione della legge come poche ne abbiamo viste prima d’ora. “Sono scioccato e rattristato - ha detto Biden -. L’America è basata sull’onore, sulla dignità, sul rispetto, sulla tolleranza. Questo è quello che siamo. La democrazia è fragile e va preservata.

Chiedo a questa folla di tornare indietro e lasciare che la democrazia faccia il suo corso - ha aggiunto il presidente eletto, invitando Donald Trump ad andare in tv e fare lo stesso -. Le parole di un presidente hanno il loro peso. Non importa quanto bravo o cattivo quel presidente sia. Nel migliore dei casi, le parole di un presidente possono essere d’ispirazione, nel peggiore possono incitare".

Durante gli scontri nella sede del Congresso a Washington hanno perso la vita 4 persone. Si tratta di una donna, una veterana dell’aeronautica, colpita all’interno di Capitol Hill da alcuni colpi di pistola, e altre tre persone.

13 i feriti e 52 gli arresti.

Dopo i gravi disordini, è stato indetto il coprifuoco. Il sindaco di Washington, Muriel Bowser, ha dichiarato lo stato di emergenza pubblica nella capitale americana fino al 21 gennaio, il giorno successivo al giuramento di Joe Biden.

Il vice consigliere per la sicurezza nazionale, Matt Pottinger, si è dimesso in seguito all'assalto.

"Dopo  l'assalto di ieri – ha scritto su Twitter il commissario europeo all’economia, Paolo Gentiloni - il Congresso ha certificato l'elezione di Joe Biden che ha vinto con sette milioni di distacco e 306 grandi elettori. Per quanto resa più fragile, la grande democrazia americana prevale. That's all folks".

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...