giovedì 29 ottobre 2020

Potenza: Il Covid e la riscoperta della solidarietà. I ristoratori in campo per i più bisognosi


Oggi, vi parlo di una notizia di quelle che scaldano il cuore. Nella mia quotidiana rassegna stampa mi sono imbattuta in un titolo su Tgcom 24 che mi ha reso ancora più orgogliosa di essere italiana.

A Potenza, dopo le ore 18:00 alcuni ristoranti regalano il cibo a chi è in difficoltà. Un gesto che merita di essere lodato e rilanciato per far capire che esiste ancora uno spaccato di società che si dona agli altri. Uomini e donne convinti che aiutare il prossimo sia una missione che traspare dall'anima.

Sono almeno tre i locali che hanno colto lʼiniziativa, avanzata da Crucoʼs, un ristorantino tipico che delizia il palato con la cucina lucana. Ogni giorno, dopo la chiusura, i gestori del locale regalano il non venduto a chi non riesce a comprare alimenti per cenare.

Da martedì scorso, questi angeli del cibo hanno deciso di rimboccarsi le maniche e fare qualcosa per aiutare i propri concittadini che versano in precarie condizioni.

 "Siamo solo una goccia in un mare di disperazione - ha scritto il gestore del locale sul suo profilo Facebook".

Il suo grido di allarme è stata ascoltato da altri gestori che, dopo le ore 18:00, orario di chiusura degli esercizi commerciali che si occupano di ristorazione, impacchettano la cena e la consegnano a chi ne fa richiesta.


"Cari amici, è spaventoso il grido di aiuto che ci è giunto da centinaia di famiglie - scrivono Linda, Salvatore Conte e tutto lo staff di Crusco's sui social. Non ci aspettavamo tanta sofferenza e così tante persone in difficoltà. In questo momento il nostro lavoro è al minimo storico, pari quasi a 'zero' - ha dichiarato all'Ansa Salvatore -. Così abbiamo deciso di consegnare tutta l'eccedenza del non venduto alle famiglie che hanno bisogno di essere aiutate. E' bastato un solo giorno per capire quante persone stiano affrontando un momento di grande difficoltà. Regalare quello che non vendiamo, invece di buttarlo nella spazzatura, ci pare molto più intelligente e umano".

All'indomani del Decreto del presidente del consiglio dei ministri, molti ristoranti, bar e bistrot sono costretti a chiudere alle ore 18:00, rinunciando alla cena. Ogni giorno, cibo invenduto rischia di finire nella spazzatura. Un'iniziativa del genere premia la volontà e la generosità d'animo di lavoratori che si uniscono nel bene per fare del bene.

L'appello è arrivato anche ad altri ristoranti di Potenza che si sono uniti all'iniziativa di Crusco's. Tra questi BurBaCa Potenza e Verdecrudo.

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...