domenica 22 settembre 2013

...I miei articoli su Telegiornaliste.com... "La Filantropia al femminile"

 ‘’Signori si nasce…ed io lo nacqui…modestamente’’.
Parafrasando questa massima del grande Totò,  si arriva a capire il significato puro del termine Filantropia. Non ci si può improvvisare, infatti, filantropi perché non è un lavoro, ma una missione che nasce dal cuore. Quel sentimento di carità che smuove le coscienze di ognuno a donarsi agli altri.
Non si tratta di elargire denaro, ma avere la forza e il coraggio di elaborare un progetto serio, finanziarlo per la risoluzione dei problemi reali della gente e gioire quando si realizza.
In questo campo le donne la fanno da padrona. Altro che quote rosa. Se pronunciamo il nome filantropia il genere femminile campeggia in ogni dove. Un fenomeno che, negli ultimi tempi, sta modificando il nostro vivere quotidiano, facendo emergere la figura della filantropa come protagonista dell’impegno benefico in favore dei più bisognosi.
Agli albori esistevano le dame della carità che aiutavano il prossimo. Oggi, esistono le signore della filantropia, che gestiscono, e lo fanno proprio bene, progetti mondiali degni di lode.
Gli States sono la patria della beneficienza. Qui, la filantropia femminile è un fenomeno consolidato da secoli con l’International Network of Women’s Funds e il Women’s Philanthropy Institute dell’Università dell’Indiana.
L’Europa tiene il passo con progetti e iniziative che arricchiscono l’humus di donne, madri, casalinghe, professioniste che mettono a disposizione degli altri le loro competenze e, soprattutto, la loro anima.
In Germania è attiva da tempo Filia – die frauenstiftung, una fondazione collettiva, il cui obiettivo è quello di sviluppare progetti femminili in tutto il mondo. Dall’Africa all’India, solo per citare alcuni Paesi, vengono alla luce progetti di cooperazione culturale e professionale, dove il gioco di squadra diventa l’arma vincente.
In Italia, Diana Bracco è una delle donne più attive nel panorama della filantropia al femminile, con la Fondazione Bracco per la ricerca, con la quale sta promuovendo la ricerca sulla salute per indagare sul processo di formazione del benessere psico-fisico e la sua stretta correlazione con la cultura. Per non parlare, poi, di Maria Vittoria Rava, con il suo lavoro estenuante e gratificante nei confronti dell’Emilia devastata dal terremoto.
Di donne che si occupano degli altri ce ne sono a migliaia. L’elenco è lungo e a volte non si conosce neanche il numero esatto di coloro che operano, nel più stretto riserbo, per aiutare chi ne ha bisogno.
Angeli caritatevoli, con il volto limpido e trasparente, che, anche con un sorriso, cambiano la vita a chi chiede aiuto. Donne che hanno ripreso in mano la propria vita e che si dedicano in toto a chi soffre.
Maria Cristina Saullo
 


Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...