lunedì 9 settembre 2013

11 settembre 2001. A distanza di 12 anni un ricordo indelebile...

11 settembre 2001. Sono passati 12 anni da quel giorno in cui il mondo è cambiato.
Dopodomani ricorre l'anniversario di un capitolo di storia tra i più crudeli del cosmo.
Quattro attacchi suicidi, organizzati e realizzati da un gruppo di terroristi aderenti ad al-Qāʿida contro obiettivi civili e militari, hanno sconvolto gli Stati Uniti d'America.
Quel pomeriggio stavo riposando. Era una tipica giornata settembrina. La brezza marina faceva da corollario ad un pomeriggio terso, stranamente silenzioso. Nessun passaggio di auto, nessuna voce narrante all’esterno. Solo il vociare di un programma in tv. Ad un certo punto un urlo mi ha fatto sobbalzare dal letto. Apro gli occhi e vedo, sconcertata, delle immagini da film di fantascienza. Una colonna di fumo che si erge da un grattacielo. Un fotogramma irreale. Ho pensato si trassasse di un film, normale programmazione pomeridiana. Invece era tutto vero. Dopo  qualche minuto ho realizzato. Edizione straordinaria del Tg. “Attentato a New York”. Non era possibile. Non riuscivo a crederci. Un aereo di linea era piombato all’interno di una delle Torri Gemelle. Il World Trade Center, scenario di una sequenza di morte e distruzione mai vista neanche nei migliori film di Spielberg. Prima una torre, poi l’altra prese di mira da dirottatori senza scrupoli. A distanza di qualche minuto l’inferno.
Ricordo ancora l’immagine, credo di un operatore che, dopo essersi riparato dalla cenere e dal fumo sotto una tettoia, alza gli occhi al cielo e scruta la coda di un aereo che entra come un missile nelle finestre di vetro della seconda torre gemella.
Poco dopo il collasso di entrambi i grattacieli, con danni considerevoli agli edifici vicini.
Un terzo aereo di linea, fu fatto schiantare dai dirottatori contro il Pentagono. Un quarto velivolo, invece, diretto contro il Campidoglio o la Casa Bianca a Washington, si schiantò in un campo vicino Shanksville, nella Contea di Somerset, in Pennsylvania, dopo che i passeggeri e i membri dell'equipaggio tentarono, senza riuscirci, di riprendere il controllo dell’aereo.
Gli attacchi terroristici dell'11 settembre causarono circa 3.000 vittime. Morirono 2.752 persone. Tra queste 343 vigili del fuoco e 60 poliziotti. La maggior parte delle vittime erano civili di 70 diverse nazionalità.
Guerra e morte continuarono. L’America dichiarò guerra al terrorismo, attaccando l'Afghanistan controllato dai Talebani, accusati di aver ospitato i terroristi.
Tutto il resto è storia.
Resta solo quel ricordo tremendo di un giorno che ha cambiato la fisionomia e l’agire umano e che, ancora oggi, porta con se tanta tristezza e sgomento.
Cri...


Nessun commento:

Posta un commento