martedì 13 marzo 2018

Il racconto, dal vivo, di un cronista obiettivo e critico

Pomezia, ieri mattina, si è stata svegliata da una di quelle notizie che catalizzano l’attenzione generale, e guai se non lo fosse. 
Tre maestre di una scuola dell’infanzia statale sono state accusate di aver usato violenza fisica e verbale ai danni di alcuni bambini. Contro le maestre, i carabinieri della stazione di Pomezia hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Velletri su richiesta della Procura. Per le tre donne, tra i 46 e i 61 anni sono stati disposti gli arresti domiciliari. 
L'indagine è partita a febbraio dopo le denunce presentate da quattro mamme, che avevano notato comportamenti strani e violenti nei propri figli. I carabinieri, con l’aiuto di intercettazioni ambientali e telecamere installate nella scuola hanno svolto le indagini che purtroppo sembrano aver confermato le paure e i sospetti dei genitori
I bambini, di un età compresa tra i 3 e 5 anni, avrebbero quindi subito violenza sia fisica che psicologica, oltre ad umiliazione e vessazioni di vario genere.
La notizia è di quelle che fa tremare una piccola comunità come quella di Pomezia, comune di circa 60000 abitanti alle porte di Roma,  e come in ogni piccola comunità che si rispetti la storia dei bambini è balzata da un bar al altro, al mercato, per strada e suoi tanto attivi social. 
Il sindaco, Fabio Fucci, ultimo fuoriuscito dal movimento 5 stelle e pronto a ricandidarsi con una sua lista civica come Pizzarotti insegna, non ha perso tempo e già poche ore dopo la notizia degli arresti dalle sue pagine ufficiali ha subito espresso il proprio sdegno e vicinanza ai bambini e alle loro famiglie - Questi arresti destano molta preoccupazione perché riguardano persone a cui tutti noi affidiamo i nostri figli quotidianamente. Quando si toccano i bambini e si vanifica il ruolo educativo e formativo delle scuole di ogni ordine e grado è una sconfitta per tutti. Ringrazio le forze dell’ordine per il loro lavoro e confido nell’operato degli inquirenti per la conclusione delle indagini al più presto
Da quel momento tutti, e dico tutti hanno espresso un opinione a riguardo, improvvisamente Pomezia è diventata centro del mondo, i bambini le maestre i genitori, il negozio di alimentari accanto alla scuola, il benzinaio, il medico, tutti si sono sentiti in dovere di esprimere un giudizio, un opinione. Come è inevitabile del resto nel mondo dei social, dove però tutta questa ricerca irrazionale di verità e bisogno di  giustizia è amplificata in maniera anarchica, tanto che il comandante dei carabinieri della stazione di Pomezia ha dovuto smentire alcune informazioni che giravano sui vari gruppi della città, presi d’assalto dal popolo del “commento facile”.
Ovviamente un fatto del genere, se confermato dal giudice, è da condannare in maniera forte e decisa, e non c’è neanche bisogno di specificarlo, ma in un momento in cui le tensioni sociali sono al limite, in cui troppo spesso si pensa di potersi far giustizia da soli, è meglio lasciare a chi di dovere certi compiti. 
In questa storia, a differenza di tante , troppe, altre, ci sono alcuni elementi che non possono che ritenersi positivi e capaci di farci sperare in una risoluzione del problema. Elementi che possono farci guardare al futuro con maggiore speranza e non con la paura di vedere i nostri figli vittime di qualunque tipo di violenza dentro le nostre scuole.
Innanzitutto il coraggio delle mamme, capaci di capire i disagi dei propri figli e forti da andare dai carabinieri appena hanno avuto il sentore di qualcosa di strano.
Le forze dell’ordine, e le loro indagini fatte nel silenzio e risolte in poco meno di un mese, con il pronto arresto delle sospettate e relativa sospensione del servizio.
La ferma e decisa condanna delle istituzioni che senza giri di parole, dalla voce del sindaco, ha condannato ed espresso l’assoluta vicinanza alle vittime.
Sembra scontato ma non è sempre così davanti a fatti di cronaca di questo genere, spesso abbiamo letto di maestre trasferite, di accuse ai genitori delle vittime e di indagini lente e mai risolutive. Questa volta tutto questo sembra, almeno per ora, non essere successo.
Credo che tutti siamo contro la violenza sui bambini non c’è bisogno di scriverlo su facebook.

Matteo SAULLO

Nessun commento:

Posta un commento

Operare per i più bisognosi. Dedizione di chi ha a cuore il bene

  Impegnarsi, quotidianamente, per i poveri e i piccoli. È questo l’insegnamento che ogni buon cristiano è chiamato ad assolvere. Domenica...