giovedì 1 giugno 2017

Guardia Piemontese: X edizione della Giornata della memoria

È tutto pronto a Guardia piemontese per la X edizione  della “Giornata della Memoria”. L’evento, che si terrà lunedì prossimo, 5 giugno, è stato istituzionalizzato dal comune occitano nel 2008, e fortemente voluto dal compianto sindaco, Gaetano Cistaro, per recuperare un oblio di oltre 450 anni.
Il 5 giugno 1561, infatti, Guardia Piemontese assisteva ad uno dei più grandi massacri della storia, che fece centinaia di vittime non risparmiando donne e bambini.
“Si assistette – si legge in una nota stampa - ad una delle più feroci e truculente persecuzioni di cui rimangono tracce significative, a Guardia Piemontese, nella triste e terribile sopravvivenza architettonica della “Porta del Sangue”, presso la quale tradizione vuole che il Sangue dei Valdesi sia scorso a fiumi, durante i terrificanti eccidi che li videro innocenti protagonisti”.
La manifestazione, vuole essere una celebrazione comunitaria per trasmettere alle nuove generazioni una significativa pagina di storia che appartiene non solo alla gente guardiola, ma alla Calabria, all’Italia, all’Europa e al mondo tutto.
“Con tale evento – si legge ancora nella nota - desideriamo rendere omaggio al coraggio e alla dedizione di chi affrontò la morte pur di non rinunciare alla confessione aperta della propria fede, con una fedeltà e con uno spirito di sacrificio che destano a tant’anni di distanza ancora una grande ammirazione”.
La Giornata della Memoria è il risultato di un’ottimale sinergia tra Comune di Guardia Piemontese, Istituto Comprensivo “Gaetano Cistaro” e Centro Culturale Gian Luigi Pascale.
Ricco il calendario degli eventi. Alle ore 10.30 ci sarà la commemorazione delle vittime del 5 giugno 1561, con la deposizione della corona presso la “Roccia di Val Pellice”. Seguirà la cerimonia di consegna della borsa di studio relativa alla Giornata della Memoria, istituita dall’Amministrazione Comunale di Guardia Piemontese. Alle ore 19.00, al via il Culto Valdese, con Santa Cena, presso il nuovo Anfiteatro comunale, inaugurato lo scorso 20 maggio, alla presenza del Cantautore  Dario Brunori. Alle ore 20.30, si svolgerà sempre presso l’Anfiteatro comunale, una rappresentazione teatrale inedita, dal titolo “Gli Immortali”. L’Ingresso è libero!!!
“È stato scelto un programma più “leggero” rispetto alle scorse edizioni – afferma la coordinatrice del Progetto “mettiamo in scena i sentimenti”, Gabriella Sconosciuto - perché si vuole dare maggiore visibilità ai giovani ragazzi dell’Istituto Comprensivo Gaetano Cistaro, attori protagonisti della rappresentazione teatrale “Gli Immortali”, realizzata nell’ambito del progetto “Mettiamo in Scena i Sentimenti”, proposto dal Centro culturale Pascale e finanziato dall’Opm della Chiesa Valdese. Si tratta di una Storia d’amore impossibile tra due giovani valdesi. I testi di studio elaborati a partire dai documenti ufficiali, raccontano degli accadimenti che hanno coinvolto vittime e carnefici dell’intolleranza cattolica in Calabria. Si parte dall’arrivo dei Valdesi in Calabria, si descrive il loro credo, la vita condotta, il loro amore per il lavoro, la riservatezza, tanto da essere stimati anche da cattolici al di là delle loro “credenze ereticali”. Sarà uno spettacolo molto interessante e i ragazzi stanno lavorando duramente insieme alle tre docenti coinvolte nella rappresentazione teatrale: Giovanna Curcio, Silvana Pietramala e Francesca Amendola, alle quali va il mio sentito grazie per tutto quello che stanno facendo con tanta dedizione e amore”.
Alla rappresentazione teatrale, prenderanno parte il sindaco di Guardia Piemontese, Vincenzo Rocchetti, il presidente del Centro Culturale, Gian Luigi Pascale, Beatrice Grill, il Dirigente Scolastico dell’ I.C. “G. Cistaro”, Leopoldo Di Pasqua,  il Direttore Generale Usr Calabria, Diego Bouschè, il dirigente dell’Ufficio scolastico della provincia di Cosenza, Luciano Greco, l’onorevole, Ernesto Magorno, il consigliere regionale, Giuseppe Aieta, il rappresentante delle Valli Occitane, Marco Armando Hugon, il Direttore del Centro Culturale di Torre Pellice, Davide Rosso e le autorità civili, militari e religiose presenti.
Parteciperà alla manifestazione anche  una delegazione Piemontese e una troupe del  programma di Rai 2 “Protestantesimo”.
Il 2017 è un anno importante per Guardia Piemontese. La cittadina, è stata insignita  del titolo di  “Citta Europea della Riforma”, insieme a Venezia e a Torre Pellice, uniche città italiane delle 75 città o paesi distribuiti in 15 nazioni. Guardia Piemontese, unica isola linguistica di minoranza occitana nel sud Italia, è entrata a far parte, insieme a Wittenberg, Vienna, Londra, Ginevra, di un gruppo di località europee legate alla storia della Riforma del XVI secolo.


Nessun commento:

Posta un commento