lunedì 7 aprile 2014

I miei articoli su telegiornaliste.com "Vicky Piria. Un sogno, una conquista"

«Tutti hanno un paio di ali ma solo chi sogna impara a volare». Profeta in patria il grande Jim Morrison; una frase che racchiude in sè l’animo grintoso e caparbio di una giovane donna italiana, Vicky Piria, che ha inseguito il suo sogno e lo ha raggiunto.

Classe 1993; bella, giovane e sportiva, con l’acceleratore sempre al massimo: sogna la Formula 1 e, ne siamo sicuri, raggiungerà presto questo traguardo.

Vittoria (Vicky per tutti) ha iniziato la sua carriera con i kart nel 2003; poi, nel 2008, è approdata alla classe KF3.

L’anno dopo salto di qualità con le monoposto; partecipa, con la TomCat Racing, alla Formula 2000 Light e alla Formula Renault; ha anche gareggiato alla gara di apertura della Formula Lista Junior a Digione con il team Daltec Racing.

Una carriera in ascesa che ha portato Vicky ad ottenere risultati, negli anni successivi, in varie categorie del mondo automobilistico; per la sua bellezza, viene, spesso, paragonata a Belen, ma a lei non interessa: il suo sogno è sempre stato quello di fare la pilota.

Nonostante sia approdata in un cosmo dove l’uomo la fa da padrona, Vicky non si accontenta: vuole sempre il massimo e lo raggiunge; grintosa, intelligente ed ambiziosa, la giovane ha già fatto parlare di se per il suo talento e il suo modo di essere normale in uno sport competitivo come l’automobilismo.

«La passione è nata quando avevo appena 8 anni (ha dichiarato la giovane) quando mio padre, appassionato di motori, comprò un go-kart per mio fratello; da lì sono entrata in questo mondo ed è nato l'amore per le auto da corsa».

Un amore impegnativo, che ha cambiato e non di poco la sua vita: inoltre, il fatto di essere l'unica donna in un contesto tutto maschile non la preoccupa. «L'importante – afferma - è farsi rispettare ed essere professionale». Una professione che la farà, sicuramente, volare in alto come la grande professionalità che la contraddistingue. In bocca al lupo! 

Maria Cristina Saullo

Nessun commento:

Posta un commento